Nuraghe Bruncu Madugui a Gesturi

Il nuraghe di Bruncu Madugui, a Gesturi, è uno degli esemplari di protonuraghi o nuraghi a corridoio giunti fino a noi; è situato al confine tra le regioni della Marmilla, del Sarcidano e dell’Arborea, nell’altopiano della Giara.
È una costruzione ciclopica formata da blocchi irregolari di basalto: l’ingresso immette su una scala con una nicchia, che si prolunga poi in un andito dal quale si accede a due camere curvilinee. Sulla sinistra del corridoio è presente un vano dove probabilmente vi era la scala che conduceva al terrazzo.
Il nuraghe viene oggi datato all’età del Bronzo medio; intorno al monumento è presente un villaggio di capanne distribuite in isolati, con cortili centrali comuni: al loro interno i vani hanno forma circolare e vi sono focolari, nicchie, sedili e ripiani alle pareti.

Storia degli scavi

Il nuraghe e una parte del villaggio furono scavati nel 1962 da Giovanni Lilliu. Le indagini del villaggio proseguirono nel 1980 ad opera di Gabriella Puddu e successivamente ad opera di Alessandro Usai.

Come arrivare

Dal centro del paese di Gesturi, sulla sinistra, segnalata da cartelli, inizia la strada per la Giara. Si procede per km 4,2 fino a raggiungere il parcheggio situato alla sommità della Giara, dove si trova anche l’attuale ingresso al parco: il nuraghe è sulla sinistra e dista circa 4 km da percorrere su una stradina a piedi o in macchina.