Nuraghe Saurecci a Guspini

Il nuraghe Saurecci o complesso nuragico di Saurecci (o Sa Urecci) è di tipo complesso, costruito ad un altezza di 175 metri su una collina guspinese, nella costa ovest della Sardegna. Il nuraghe è molto grande ed ha una posizione strategica dalla quale si può osservare tutto il territorio del Campidano, incluso il Monte Linas e gli altri siti nuragici della vicina Pabillonis: i nuraghi Fenu e Santu Sciori (San Lussorio).
Il nuraghe Saurecci è composta da quattro torri, quadrilobato, tre delle quali ed il muro perimetrale risultano essere parzialmente crollati.
Le mura di cinta romboidali, raggiungono un’altezza di circa 4 metri e sono costruite con grossi blocchi di roccia basaltica.
L’unica torre ancora oggi visitabile, ha un’apertura verso ovest e presenta al suo interno due nicchie e una fessura verso sud est.
Nel suo complesso la struttura risulta essere sommersa dalla vegetazione tanto da essere difficilmente visibile.

Storia degli scavi

Alberto Lamarmora fu tra i primi a disegnare la planimetria del nuraghe Saurecci di Guspini; all interno delle mura di cinta erano ancora visibili strutture in elevato; inoltre sono stati raccolti frammenti di ceramica nerastra, orli e anse di grandi vasi e teste di mazza in pietra di età nuragica. Grazie a questi ritrovamenti risalenti alla Cultura Monte Claro, e quindi dell Età del Rame si evidenzia che il sito sia atato abitato in età prenuragica.